contributo di boudu* alla festa della parola

www.logosfest.org

Una festa, della parola e quindi del corpo. Perché la parola che intendiamo festeggiare è quella che proviene dal corpo e che dice del corpo. Una parola il cui significato vive nella ricerca dello sguardo, dal suono, della carne.

E quindi il cinema che “ci rifà la visione”, il teatro che mette le parole addosso alla pancia e ci fa scorgere come il mio corpo non finiscemaisenoiabitiamolospaziosentendoci.

Ci mostriamo, ne parliamo, dalla nostra parte. Una sorta di cammino tra alcuni dei luoghi che decidono della nostra condizione, che ne decidono a partire dal lavoro che questi esercitano sui nostri corpi.

Un viaggio con i corpi tra i nostri corpi, nei quali è disegnato il panorama della prigione ma anche dell’aperto.

 …perché è il corpo che porta, nella vita e nella morte, nella forza e nella debolezza, la sanzione di ogni verità e di ogni errore (…). Il corpo – e tutto ciò che ha a che fare col corpo, l’alimentazione il clima, il suolo – è il luogo della Herkfunft: sul corpo, si trova lo stigma degli avvenimenti passati, così come da esso nascono i desideri, i cedimenti, e gli errori; (…). Il corpo: superficie d’iscrizione degli avvenimenti (laddove il linguaggio li distingue e le idee li dissolvono), luogo di dissociazione dell’Io (al quale cerca di prestare la chimera di un’unità sostanziale), volume in perpetuo sgretolamento.

Siamo qui, e da qui diciamo e mostriamo dei corpi. I nostri.

Come è che accade un evento riconoscibile, distinguibile dall’ordinario ordine del discorso?; com’è possibile vedere con occhi vivi l’invisibile, libero dal dominio del noto? Com’è possibile arrivare al corpo dell’altro senza dominarlo, colonizzarlo?

I nostri incontri proveranno ad essere una sorta di presentazione, un catalogo dei disegni e degli effetti, delle parole. Il corpo della parola.

Una parola, quindi, indistinguibile dalla sua provenienza, da quel luogo che ne è l’origine: il corpo, appunto.

Tenteremo quindi di aprire un’occasione per tessere linguaggi, respiri, sguardi di qualcosa che probabilmente ci è familiare, che va disvelato e reso visibile: il comune che noi abitiamo e che dev’essere visto, toccato, digerito.

Fare del corpo un possibile luogo del comune e quindi del politico è propriamente uno degli obiettivi della nostra Festa della Parola. La descrizione dello sfruttamento, da Simone Weil ai call center; la parola che emerge dall’ascolto di un respiro che si sente, e lo si sente in scena, qui, davanti a tutti; l’incontro con la poesia.

La parola del corpo.

Mai come oggi, crediamo, è possibile vedere il valore immediatamente politico del corpo.

Un appuntamento prettamente politico, quindi, che ha nella propria agenda l’obiettivo di annusare, odorare, ascoltare, toccare perché il corpo non finiscemaisenoiabitiamolospaziosentendoci.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...